Reddito di cittadinanza, ecco i dettagli della proposta del M5S

Il disegno di legge per il reddito di cittadinanza, proposto dal Movimento 5 Stelle, approda alla commissione lavoro del Senato. Il DDL prevede un contributo fino a 780 euro mensili a persona e ricalca il modello già adottato in Danimarca e presentato dalla senatrice Nunzia Catafalco.

Nella proposta in esame per accedere all‘assegno mensile i requisiti sono i seguenti:

  • Essere maggiorenni ed inoccupati o disoccupati
  • In alternativa percepire un reddito da lavoro inferiore alla soglia di povertà (stabilita proprio nei 780 euro mensili)

lavoro1

Per quanto riguarda le coperture i necessari 15,5 miliardi previsti saranno recuperati con

  • risparmi dalle spese della Pubblica amministrazione (4,5 miliardi),
  • riduzione delle spese militari (3,5 miliardi),
  • imposta sui grandi patrimoni (tra i 2 e i 4 miliardi),
  • riduzione dei costi della politica (1,1 miliardi),
  • tassazione delle grandi società di petrolio e gas (1,” miliardi) e
  • riduzione dell’8 per mille alla chiesa cattolica. 

Le coperture sono state certificate e bollate come fattibili dalla Ragioneria Generale dello Stato.

Chi beneficerà del reddito di cittadinanza dovrà però dare la propria immediata disponibilità al lavoro presso i centri per l’impiego e seguire un percorso di formazione ed integrazione mirata all’occupazione. Non si potranno rifiutare i lavori proposti dal centro per l’occupazione pena la perdita dell’assegno.

Per approfondire leggi il testo del DDL qui.