ALLARME – Attenti alle vacanze truffa…ecco come difendersi

Il settore dei viaggi sembra non aver subito forti ripercussioni o particolari contrazioni, nonostante un periodo socio-economico abbastanza travagliato. Anno dopo anno, parallelamente alla crescita di portali come Trivago o Trip Advisor, è cresciuto il numero delle persone che programmano e prenotano le loro vacanze online, ciò ha conseguentemente visto l’aumento anche delle truffe.

NEWS_87027
Il mondo del crimine, paradossalmente, è sempre all’avanguardia e si è mosso per tempo, infatti, ogni anno escono nuove trappole a cui bisogna fare attenzione per evitare di farsi derubare o trasformare una vacanza in un incubo. Il periodo che precede l’estate è quello più a rischio, durante il quale le caselle di posta elettronica vengono invase da spam che offrono viaggi a prezzi vantaggiosi oppure propongono offerte davvero
allettanti.

Vediamo però un po’ più da vicino cosa fare e come comportarsi per non incorrere in queste vere e proprie trappole.

– Per prima cosa se avete intenzione di prenotare online assicuratevi che non ci siano costi nascosti o addizionali di qualunque tipo. Le offerte devono essere chiare e la loro descrizione completa, vale sempre comunque la regola che “nessuno regala niente”.

– Controllate sempre i dati fiscali di chi svolgerà il servizio offerto, verificate che ci sia il nome del rappresentate legale, i recapiti telefonici e l’indirizzo completo. Fate delle ricerche con Google, o simili, e verificate che gli stessi dati emergano nelle pagine social.

– Per quanto riguarda le mail che sono sicuramente spam, l’unica cosa da fare è quella di eliminarle direttamente senza nemmeno aprire il messaggio.

– Non rispondete mai alle mail di cui non conoscete il mittente, dareste solo conferma che il vostro indirizzo è attivo, attirando su di voi il loro interesse.

– Installate un buon antivirus e attivate dei filtri antispam.

Queste poche regole vi permetteranno di prenotare con più tranquillità le vostre vacanze. Da un’indagine della UE un terzo dei viaggiatori prenota online e più del 65% dei siti web di settore che sono stati controllati risultano in regola, ne rimane sempre un 30% che naviga nell’ombra.
Riassumendo: attenzione alle offerte troppo generose, sono da scartare; guardate bene se vengono elencati tutti i costi e se esistono addizionali o penali di vario genere; controllate la veridicità dei dati di chi offre il servizio. Questo per quello che riguarda le truffe dirette sui viaggi, mentre per limitare quelle informatiche: non aprite mail spam e non rispondete a questi messaggi.